lunedì 2 maggio 2016

Pavlova con fragole, kiwi e nespole

Pavlova con fragole, kiwi e nespole

Per fare la meringa di queste pavlove, ho preso spunto dalla ricetta "Mini pavlove alle pesche nettarine", modificando la quantità e la frutta ....



Ingredienti :
  • 200 g zucchero semolato
  • 1 cucchiaio succo limone
  • 45 ml acqua
  • 109 g albumi (circa 3 albumi)
  • 1 bustina vanillina Paneangeli
  • 200 g panna montata zuccherata
  • 2 kiwi
  • 3 nespole
  • 300 g fragole
Preparazione :
  1. In un pentolino sciogliere 100 g di zucchero con l’acqua fino a raggiungere l’ebollizione.
  2. Nella planetaria cominciare a montare gli albumi con l'altro zucchero rimasto, il succo di limone,   versare a filo lo sciroppo di zucchero e aggiungere la vanillina.
  3. Continuate a montare alla massima velocità fino ad ottenere un composto molto fermo e spumoso.
  4. Trasferire la meringa nella tasca da pasticcere con la bocchetta a stella grande e formare dei cerchi grandi con il bordo doppio, su di una leccarda rivestita con carta forno.
  5. Cuocere le meringhe, o meglio, asciugare nel forno a 60 ° per circa 5 ore, io li ho lasciate nella notte in tutta la tranquillità e sono venute molto belle.
  6. A questo punto, lasciare raffreddare, decorare con panna montata e frutta a piacere.
  7. Contenitore Profitterol Marrone Coprente Poloplast e  il Vassoio Golgen Age Poloplast 22 x 15 cm !






30 commenti:

  1. Bella e buona la tua pavlova.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. Le pavlove sono la mia passione le amo pazzamente e questa tua versione con tutta la frutta colorata è uno spettacolo!!Baci,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Imma, mi piacciono i piatti colorati come anche i dolci e cerco sempre di dare colore sia nei dolci che salati. Un abbraccio !

      Elimina
  3. Non ho mai realizzato una pavlova anche se mi ha sempre incuriosita.Le tue sono davvero molto carine.
    baci

    RispondiElimina
  4. la pavlova è uno dei miei incubi, vorrei farla ma la trovo difficilissima, devo vincere le resistenze e provare, molto carine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lilli, non è affatto difficile, basta provare. Ciò che li rende belle e il colore bianco che si ottiene con pazienza, naturalmente facendo altro nel frattempo, lasciandole ad asciugare pian piano nel forno. Del resto è tutto fattibile, grazie mille !

      Elimina
  5. Molto buono veramente prendo nota per figlia ma per me troppo zcchero purtroppo. Grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Edvige, tua figlia ne sarà contenta che li porti già dei spunti per preparare. Capisco che non puoi mangiare e mi dispiace per te, ma che si può fare, la vita è fatta anche di queste cose, purtroppo ! Grazie e buona giornata anche ate !

      Elimina
  6. Ho sempre sentito parlare di questo dolce, la tua versione ricca di frutta è molto bella e senz'altro molto buona.
    Buona giornata da Gabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabry, più che altro è anche una ricetta di riciclo, per recuperare degli albumi, ma con la quale si può fare anche una bella figura.

      Elimina
  7. Meravigliosissima!!!! Non si dice, ma per questo dolce ci sta, complimenti!

    RispondiElimina
  8. Non neho mai fatta némangiata una.. la tua è bellissima con quel tripudio di frutta.. baci e buon lunedì cara :-*

    RispondiElimina
  9. Non ho mai fatto una pavlova in vita mia e pensa che non l'ho mai nemmeno assaggiata O_O non sai come vorrei rimediare con le tue :-P Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari per le prossime, queste sono andate a ruba, altrimenti con piacere, grazie mille !

      Elimina
  10. Se ve muy bien.
    Un saludito

    RispondiElimina
  11. Mamma mia che bontà.... è una bontà assoluta...bravissima è molto invitante! :-*
    Bacione
    Mirta

    RispondiElimina
  12. magnifica, complimenti
    ciao ciao
    Anna

    RispondiElimina
  13. Fantastiche, ti sei superata è davvero tanto che non preparo una cosa così elaborata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è affatto elaborato questo dolce, ma solo il tempo di attesa per asciugare, ma vale la penna !

      Elimina
  14. Sono bellissime!! E' un dolce che non ho mai provato a fare!! Bravissima!!
    Buona settimana!!

    RispondiElimina
  15. le mangerei tutte! (senza nespole però che non le amo per niente, pensa che ho un albero e non ne tocco una...) eri a Crissolo? ma dai.. io ho imparato a sciare li da bambina.. a saperlo..ti raggiungevo, la prossima volta avvertimi che salgo in macchina, in un'oretta arrivo ok? :-)e ci mangiamo la polenta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora io dovrei trovarmi vicino al tuo albero, perché io li compro, e queste li ho trovato abbastanza buoni, non troppo acidi, sono piaciuti a tutti.
      Si, in quel giorno di festa, anche se un pò tardi, abbiamo deciso di andare a Crissolo dopo circa 15- 16 anni, quando i ragazzi ai tempi erano bambini, ma adesso siamo stati di sfuggita, una scappatella per riempire la giornata. In realtà io non so sciare ma mi piace camminare ed andare su e giù per i monti. Non è male incontrarci a mangiare la polenta lì, so che c'erano delle feste che si facevano con delle grande polente, non si sa mai !

      Elimina
  16. quanta buona frutta, un dolce molto coreografico che fa fare una splendida figura ! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Chiara, mi piacciono i piatti ben colorati e non solo, che abbiano un buon gusto !

      Elimina
  17. wow che bontà!!! non sapevo si chiamassero così!! bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sempre da imparare Andrea e tutti noi abbiamo da imparare ogni giorno, grazie mille !

      Elimina
  18. mi piacciono quelle piccole che possono essere monoporzioni una bella idea

    RispondiElimina
  19. Stupende le tue meringhe! Sembrano uscite da una pasticceria elegante, di quelle che fanno sognare grandi e piccini!
    Bravissima...un abbraccio

    RispondiElimina

gioco per ragazza Top Blogs