mercoledì 25 novembre 2015

Minestra con indivia riccia e scarola a modo mio - (Zuppa o minestra. Sai la differenza ?)

Minestra con indivia riccia e scarola a modo mio - (Zuppa o minestra. Sai la differenza ?)

Spesso ho fatto confusione tra la zuppa e la minestra ma informandomi meglio ma,ho notato che c'è una differenza tra l'una e l'altra e dovrò rimediare, imparando bene le regole di questi piatti gustosi che soprattutto nel periodo freddo fanno da padrona sulle nostre tavole.
Ecco la descrizione e la differenza tra l'una e l'altra, informazioni tratte da qui.
Minestra o minestrone? Zuppa o passato? E ancora crema o vellutata? La loro bontà è indiscutibile e sono amate, secondo tradizioni diverse, dal Nord al Sud Italia, più difficile è invece riconoscerle e chiamarle con il nome corretto. Ecco le differenze e le caratteristiche dei comfort food amati da grandi e piccoli.

Minestra, Minestrone o Zuppa?
La prima e unica distinzione importante tra zuppa e minestra sta negli ingredienti utilizzati per arricchire il piatto, oltre alle verdure. Nella zuppa non compare mai né riso né pasta, ma può essere servita solamente con pezzetti di pane, più o meno grandi. Il nome stesso, zuppa, simile in tutte le lingue europee, deriva dal gotico "suppa", che indicava la fetta di pane che veniva messa nelle ciotole prima di versarvi il brodo. Nel Medioevo, infatti, la fetta di pane era utilizzata al posto delle stoviglie.

Anche la minestra, in tutte le sue varianti, è da sempre il piatto povero per eccellenza e il suo nome deriva da "minestrare", cioè amministrare, e veniva abitualmente servita o "ministrata" dal capofamiglia. La minestra, a differenza della zuppa, contiene oltre alle verdure, riso, pasta o orzo.
Le verdure utilizzate per le minestre o le zuppe sono essenzialmente le stesse e sono legate più alla tradizione culinaria regionale, alle coltivazioni locali, alle stagioni o ai gusti personale che ad una reale diversità tra i due piatti. La zuppa è molto diffusa nelle regioni del centro e sud Italia, in particolare in Toscana, con i cavoli neri come verdura principale, in Calabria e Sicilia dove i legumi, fave in particolare, sono molto amati e in Sardegna, con l’irrinunciabile aggiunta di pezzetti di formaggio.

La zuppa in generale ha un aspetto più denso e consistente della minestra classica, perché per prepararla viene utilizzato meno brodo o perché l’aggiunta di pane e crostini la rende più asciutta. Molto spesso, per il suo alto valore nutritivo, una buona zuppa viene considerata un pasto completo e ricco.
La minestra, invece, è più liquida a seconda del brodo utilizzato ed è consumata soprattutto nel Nord Italia. In Lombardia la minestra è preparata con l’aggiunta di riso, mentre nel Veneto e in Emilia Romagna si aggiunge pasta o cappelletti o addirittura dell’uovo strapazzato.

A metà tra la zuppa e la minestra c’è il minestrone, nato dopo la scoperta dell’America e l’introduzione in cucina di alcuni ingredienti fondamentali come le patate, il mais e i fagioli, che prima non erano molto utilizzati. Questi ingredienti hanno arricchito e legato le erbe e gli ortaggi utilizzati fino ad allora creando così una minestra più consistente e simile alla zuppa. Il minestrone italiano per eccellenza è caratterizzato dall'utilizzo di verdure di colore verde, rosso e giallo e dall'aggiunta di pasta, alla fine.

Crema, Vellutata e Passato: La morbidezza nel piatto
La differenza tra vellutata e passato di verdura è molto semplice. La vellutata è composta solamente da 2, massimo 3, tipi di verdure. Gli abbinamenti tradizionali sono: patate-porri, zucchine-patate, carote-patate. Inoltre, in una vellutata non deve mai mancare la liason finale degli ingredienti che avviene con l’aggiunta di panna da cucina o tuorli d’uovo, che legano i sapori e danno una consistenza morbida.

Il passato di verdure, invece, non è altro che una minestra, senza pasta, o solamente con del riso, che viene frullata con un mixer, preparata prevalentemente per i bambini che non amano vedere la verdura in pezzi grossi.
Più sottile è invece la differenza tra vellutata e crema. Per crema si intende una preparazione con un solo ingrediente principale, frullato, e legata da farina di riso o latte.

La ricetta a modo mio di " Minestra con indivia riccia e scarola"

Ingredienti :
  • 480 g indivia scarola
  • 170 g indivia riccia
  • 700 g patate
  • 100 g carota (una)
  • 100 g riso basmati
  • 1 cipolla
  • 1 gambo sedano
  • 1 spicchio d'aglio
  • brodo granulare vegetale, mio
  • 1 peperoncino piccante
Preparazione :

Lavare l'insalata invidia riccia e scarola e cuocerla per 2 minuti in abbondante acqua salata, scolare, sciacquare e tenere da parte. Lavare il sedano e tagliarlo a cubetti.
Lavare le patate e la carota e pelarli (mi raccomando non buttate le bucce ma fate come me un buon brodo granulare vegetale in casa). Tagliare le patate a cubetti e le carote a rondelle.
Sbucciare la cipolla e l'aglio e tagliarli a cubettini. In una pentola capiente mettere la cipolla, l'aglio, la carota, il sedano, il peperoncino tagliato a rondelle e cuocere per 1 minuto, aggiungere il riso, le patate, le insalate cotte, coprire con acqua calda , circa 1,5 - 2 litri ed insaporire con del pepe e brodo granulare vegetale e in mancanza con del sale o brodo a piacere. Cuocere per circa 30- 40 minuti, il riso si spappolerà , soprattutto questo tipo, ma se si vuole che rimane più intero, si può usare uno che non scuoce. Infine spegnere, e servire irrorata con un filo d'olio extravergine.


17 commenti:

  1. Sai che non conoscevo queste distinzioni!?! Post utilissimo!!!!!1

    RispondiElimina
  2. Ho scoperto di amare l'indivia riccia cotta questa estate.. sotto consiglio di mia mamma.. Ed ora rieccola in una bella minestra!!!!! smack

    RispondiElimina
  3. Neanche io conoscevo le differenze tra questi piatti, grazie Andre per esserti presa la briga di spiegarle.
    Buonissima la tua minestra, con questo freddo è l'ideale.
    Un bacio.
    Marina

    RispondiElimina
  4. CHE POST INTERESSANTE, NON LE CONOSCEVO TUTTE QUESTE DIFFERENZE!!!DELIZIOSA LA TUA MINESTRA!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  5. Brava per le spiegazioni! Buonissima questa sùpa :-) con il freddo di questi giorni poi...brrrr ci vuole proprio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo, con questo freddo ci vuole proprio riscaldarsi con un piatto così. Un abbraccio !

      Elimina
  6. Grazie per tutte le spiegazioni che ci hai dato e questa versione che ci hai proposto è l'ideale per queste sere così fredde....ti copio subito la ricetta:)
    Flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ate Flora, mi fa piacere che ti piaccia e che la vuoi provare. Aspetto anche la tua ! Buona serata !

      Elimina
  7. Grazie per aver spiegato le varie differenze tra zuppe, minestre e minestroni! Buonissima la tua minestra, non l'ho mai provata a farla con la riccia! In questo periodo le minestre sono perfette! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, anche io non l'avevo prima di questa e avendo in casa un pò che mi era stata regalata, ci ho provato a metterla nella minestra e non mi è dispiaciuto, perché è piaciuto tanto. Oggi mi sono messa la domanda di come si potrebbe chiamare una o altra e di come sono fatte, nonostante li ho preparate tante volte e ho scoperto anche io che c'è differenza tra la minestra e la zuppa e devo rimediare anche io. Grazie e un abbraccio anche a te !

      Elimina
  8. Minestra, minestrone, zuppa, vellutata .... le amo tutte sono coccoleperfette per queste fredde serate invernali. La tua proposta è gustosissima!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  9. Io le adoro tutte, minestre, zuppe e vellutate.
    Uso spesso anch'io scarole e insalate nelle minestre. LE trovo ottime e salutari.
    Baci.

    RispondiElimina
  10. Bella ricetta Andreea preso nota.
    Buona serata
    Mandi

    RispondiElimina
  11. Minestra o zuppa che sia, a me piace moltissimo... un perfetto confort food autunnale!!!!

    RispondiElimina
  12. Utilissimo post, ottima ricetta!
    Un bacione.

    Valeria

    RispondiElimina
  13. Delucidazioni interessanti, poi chiamalo come vuoi, ma se ha un aspetto così buono, metti qua!

    RispondiElimina
  14. Bel post, ma se l'ho compreso bene ne deduco che la tua ricetta sia per un minestrone e non una minestra, sbaglio?

    RispondiElimina

gioco per ragazza Top Blogs