martedì 21 marzo 2017

Risotto allo zafferano, pisellini e gamberoni

Risotto allo zafferano, pisellini e gamberoni

Mi basta solo riguardare questo piatto e mi viene acquolina....
I gamberoni sono buoni mangiati anche separatamente come secondo, una bella scorpacciata ci sta proprio, che ne dite??!


Ingredienti :
  • 450 g riso
  • 1 Kg di gamberoni
  • 2 piccole cipolle
  • 2 bustine di zafferano
  • brodo granulare vegetale fatto in casa
  • pepe, olio extravergine
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 150 g pisellini (io surgelati)
  • erba cipollina
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
Preparazione :
  1. Per prima preparare i gamberoni, togliendole le carapace, il filo nero e lasciando la parte finale della coda. Lavare bene e tenere da parte.
  2. Sbucciare le cipolle e tagliarle molto fine, tenendole separatamente.
  3. In una padella capiente rosolare una cipolla in qualche cucchiaio di olio per 2 minuti ma senza farla bruciare, mescolando spesso.
  4. Unire il riso, tostare e aggiungere man mano acqua e cuocere per circa 15 minuti.
  5. Aggiungere i pisellini, lo zafferano, altra acqua, insaporire di pepe e cuocere fino ad ottenere la cottura desiderata, insaporendo con brodo granulare vegetale o quello che avete e se non c'è brodo, va bene anche solo il sale (il mio brodo è già salato e lo uso al posto del sale).
  6. Mentre il risotto cuoce mettere anche l'altra cipolla tagliata in una padella con qualche cucchiaio di olio.
  7. Appassire per circa 3 minuti al fuoco basso, mescolando spesso.
  8. Unire i gamberoni, cuocere per circa 2 minuti dopodiché sfumare con il vino.
  9. Insaporire con un pizzico di brodo granulare vegetale o in mancanza con del sale, il prezzemolo, una spolverata di pepe e lasciare evaporare a fuoco moderato.
  10. Se in famiglia tutti amano i gamberoni, aggiungere parte di loro al risotto (lasciando qualcuno per il decoro), nel momento che aggiungete lo zafferano o poco prima della fine cottura e proseguire con la cottura. Io non l'ho fatto perché non tutti mangiano il pesce e i frutti di mare, ma ci stavano molto bene insaporiti anche insieme.
  11. A questo punto portare in tavola, impiattare e servire decorando con qualche gamberone e con della erba cipollina


 

venerdì 17 marzo 2017

Focaccia con farina di ceci e semi di lino

Focaccia con farina di ceci e semi di lino


Ingredienti :
  • 450 g farina 00
  • 100 g farina di ceci il Molino Chiavazza
  • 200 g lievito madre
  • 2 cucchiaini di sale
  • 1,5 cucchiaini miele
  • 350 ml acqua tiepida
  • 50 ml olio extravergine
  • 2 cucchiai semi di lino
Preparazione :
  1. Setacciare le farine e metterle nella planetaria insieme al lievito, mescolare, fare in mezzo un buco e aggiungere il sale, il miele, l'acqua, l'olio e lavorare per circa 5 minuti.
  2. Aggiungere anche i semi di lino e lavorare per circa 2 minuti per incorporare.
  3. Prendere l'impasto e aiutandovi con un pò di olio, formare una palla e lasciare lievitare fino al raddoppio nel forno spento con la lucina accesa, circa 4 ore.
  4. Riprendere l'impasto, dividerlo in tre parti uguali e formare dei salamoti lunghi.
  5. Intrecciare tra di loro, dare la forma alla treccia e sistemarla su una teglia foderata con carta da forno.
  6. Lasciare lievitare ancora per almeno 1 ora e a questo punto preriscaldare il forno a 220 °e cuocere per circa 25-30 minuti o fino alla doratura, da regolarsi in base al forno proprio. 
  7. Sfornare, lasciare raffreddare su una gratella e servire 

giovedì 16 marzo 2017

Spaghetti con funghi champignon e peperoncino piccante

Spaghetti con funghi champignon e peperoncino piccante


Ingredienti :

  • 350 g pasta tipo spaghetti
  • 500 g funghi champignon
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 cucchiaio prezzemolo tritato
  • 3 cucchiai olio extravergine d'oliva
  • brodo granulare vegetale fatto in casa
  • 1 peperoncino piccante

Preparazione :

  1. Pulire i funghi, lavare velocemente e tagliare  a fettine.
  2. In una larga padella mettere l'olio con il peperoncino tagliato a rondelle, l'aglio sbucciato e tagliato molto fine e lasciare insaporire solo per qualche secondo fino a che si sentirà il buon profumo del aglio.
  3. Aggiungere i funghi preparati in precedenza, il prezzemolo e cuocere fino a che perdono l'acqua di cottura, massimo 10 minuti, insaporendo con brodo granulare vegetale o in mancanza con del sale e un pizzico di pepe.
  4. Nel frattempo mettere sul fuoco anche una pentola con abbondante acqua e non appena inizia il bollore, salare e buttare dentro la pasta.
  5. Cuocere secondo le indicazioni dalla confezione o secondo le abitudini.
  6. Scolare, aggiungere nella padella con i funghi e insaporire per 1-2 minuti.
  7. Portare in tavola e servire calda ! 


martedì 14 marzo 2017

Pane con semola di gran duro e lievito madre

Pane con semola di gran duro e lievito madre


Ingredienti :
  • 600 g semola di gran duro Molino Tavano
  • 450 g acqua
  • 200 g lievito madre
  • 1 cucchiaino miele
  • 2,5 cucchiaini sale
Preparazione :
  1. Mescolare 200 g di farina con 150 g acqua, il lievito e il miele e lavorare fino ad ottenere un impasto liscio (io l'ho lavorato direttamente nel contenitore della planetaria).
  2. Coprire e tenere a lievitare nel forno spento con la lucina accesa per circa 3-4 ore o fino al raddoppio, influisce molto anche la potenza del lievito e la temperatura del ambiente.
  3. Trascorso il tempo, tirare fuori la ciotola dal forno e aggiungere tutti gli altri ingredienti.
  4. Mettere la planetaria in funzione e far lavorare il tutto per circa 5 minuti o fino a che l'impasto si staccherà dalle paretti della ciotola.
  5. Riprendere l'impasto aiutandovi con un pò della farina e formare una palla.
  6. Metterla in una terrina, coprire e mettere nuovamente a lievitare nel forno spento con la lucina accesa per circa 4 ore.
  7. Riprendere l'impasto, metterlo su un piano di lavoro infarinato con abbondante farina di semola e dare la forma al pane.
  8. Mettere il pane su una teglia foderata con carta da forno e lasciare lievitare nuovamente per almeno un ora.
  9. Preriscaldare il forno a 250°, infornare e cuocere per circa 20 minuti, dipende molto da forno a forno  e quando dico che dipende, faccio differenza del forno che avevo prima con quello che ho ora, la cottura non coincide per niente, perciò, aggiustatevi in base al proprio forno.
  10. Sfornare, lasciare raffreddare su una gratella e servire fin dalla mattina alla colazione, al pranzo, per la merenda o cena, insomma va bene sempre.
 

gioco per ragazza Top Blogs